DIAGNOSTICA ISTOPATOLOGICA

Docenti: 
Crediti: 
1
Sede: 
PARMA
Anno accademico di offerta: 
2021/2022
Responsabile della didattica: 
Settore scientifico disciplinare: 
ANATOMIA PATOLOGICA (MED/08)
Semestre dell'insegnamento: 
Secondo Semestre
Anno di corso: 
5
Lingua di insegnamento: 

ITALIANO

Attività formativa padre: 

Obiettivi formativi

Il corso ha l'obiettivo principale di fornire le basi teoriche di anatomia patologica correlate all'attività di medico generalista e, in parte, specialista.

Prerequisiti

I principali prerequisiti specifici sono: conoscenza dell'istologia, dell'anatomia e della patologia generale. Inoltre lo studente deve essere in regola con le propedeuticità descritte nel Regolamento Didattico del Corso di Laurea.

Contenuti dell'insegnamento

Conoscere le basi anatomo-patologiche delle malattie allo scopo di meglio comprendere le conseguenti nozioni diagnostico-terapeutiche.

Programma esteso

Di ogni patologia lo studente deve conoscere: definizione, generalità, ezio-patogenesi, principali caratteri clinici, anatomia patologica macroscopica, anatomia patologica microscopica, eventuali basi genetiche e fattori prognostici.
Nello specifico:
Patologia tiroidea: gozzo tiroideo; tiroiditi (acuta, Hashimoto, de Quervain, Riedel); malattia di Graves; classificazione WHO dei tumori tiroidei; stadiazione dei tumori tiroidei; carcinoma papillare e sue varianti; neoplasie follicolari (adenoma e carcinoma); neoplasie a cellule di Hurthle (adenoma e carcinoma); carcinoma anaplastico; carcinoma midollare.
Tumori e lesioni dei tessuti molli: definizione e generalità sui tessuti molli; classificazione WHO 2013 dei tumori dei tessuti molli (sue basi e novità, categorie prognostiche); tumori adipocitari (lipoma, liposarcomi); tumori fibroblastici/miofibroblastici (fascite nodulare e sue varianti, fibrosarcomi); tumori muscolari lisci (leiomiosarcoma); tumori muscolari striati (rabdomiosarcomi); GIST; tumori dell'infanzia; concetto di sarcoma indifferenziato.
Tumori e lesioni dell'osso: definizione e generalità sullo scheletro; classificazione WHO 2013 dei tumori dell'osso (sue basi e novità, categorie prognostiche); tumori cartilaginei (osteocondroma, encondroma, condrosarcomi); tumori osteogenici (osteoma osteoide, osteoblastoma, osteosarcomi); cisti aneurismatica; tumore gigantocellulare dell'osso; displasia fibrosa; tumori dell'infanzia.

Bibliografia

Robbins Basic Pathology, 10th Edition

Rubin's Pathology, 7e Clinicopathologic Foundations of Medicine

Letteratura scientifica consigliata e/o distribuita durante il periodo di lezione.

Approfondimenti sulla patologia dell'osso e dei tessuti molli verranno effettuati durante i due ADE "Diagnostica anatomo-patologica nei tumori dei tessuti molli" e "Diagnostica anatomo-patologica nei tumori dell'osso" che si effettuano durante il secondo semestre dell'anno accademico.

Metodi didattici

Lezioni teoriche e/o pratiche. Le lezioni si svolgeranno in presenza, nel rispetto degli standard di sicurezza, salvo ulteriori disposizioni dovute all’eventuale perdurare dell’emergenza sanitaria.

Modalità verifica apprendimento

Il raggiungimento degli obiettivi formativi del corso sarà verificato mediante esame orale finale. La votazione sarà espressa in trentesimi e il livello minimo per superare l’esame sarà 18/30; il valore massimo sarà rappresentato da 30/30 e lode. Mediante una serie di domande aperte che spazieranno tra i vari argomenti trattati durante il corso sarà verificato il livello di conoscenza e di comprensione dei contenuti teorici e pratici, nonché la capacità di ragionamento critico e di collegamento fra differenti argomenti.